Cumu hè a struttura literaria di e favule è a so impurtanza in a zitellina

Quandu ghjunghjemu in u mondu ùn avemu micca nuzione di chì tippu di cumpurtamentu duvemu avè, di ciò chì hè cunsideratu bè o male per i standard di a sucietà. Simu argilla chì deve esse stampata.

Per cumincià à furmà a cuscenza di i zitelli è tenendu à mente chì e so menti si sviluppanu è tuttu a cunniscenza deve esse gestita fendu L'usu di strumenti chì li rendenu più faciule per assimilà l'infurmazioni, una tecnica hè stata inventata chì per mezu di illustrazioni animate è narrazioni semplici, e storie sò cuntate per chì u zitellu si senta identificatu cù e trame, è a morale ch'elli lascianu serve da riflessione è sustegnu per guidà u so cumpurtamentu in u megliu modu è per u benefiziu di a sucietà.

Sta tecnica hè stata chjamata favule. U cuncettu serà ulteriormente espansu sottu.

Chì sò e favule?

E Fole sò storie, cunnisciuti ancu cum'è nuvelle, generalmente interpretati da animali chì piglianu attitudini umane è facenu usu di a lingua in versi o in prosa, cercanu per mezu di e storie chì discrivenu i cattivi cumpurtamenti è attitudini di e persone, per dà un missaghju o una morale.

Origine di e favule

E favule anu a so origine più di duemila anni fà in Mesopotamia, un paese induve sò state trovate e prime illustrazioni d'animali chì contavanu storie sculpite nantu à tavule d'argilla, eranu adupratu in bibliuteche di u tempu.

Più tardi in Grecia in u XNUMXu seculu nanzu à Cristu l'autore Esiodu hà publicatu a prima favula scritta, chjamata russignola è dopu in u XNUMXu seculu Nicostrato hà scrittu una racolta di favule à scopi educativi.

Anni dopu Roma era ancu parte di stu muvimentu, quandu l'autore Horacio hà scrittu parechje copie è Fedru hà messu in opera a lingua in versi trasfurmendu lu in un generu pueticu.

À u Medievu, e favule sò diventate cumedie animali, ed hè quì chì a pueta Maria de Francia hà scrittu 63 esemplarii. Dopu à u periodu Rinascimentale, l'umanisti cum'è Leonardo da Vinci anu cumpostu libri di sti tippi di storie.

À u XIXu seculu, e favule sò state cultivate in u restu di u mondu, per diventà più tardi una grande rivoluzione literaria à u XNUMXu seculu.

Composizione

E Fole sò generi literarii chì consistenu di:

  • Parsunaghji: soprattuttu animali o oggetti inanimati, chì si sviluppanu durante a trama in situazioni cumplicate.
  • Struttura: di solitu cumincianu cù un breve riassuntu di u locu è di a messa in scena, cun prosa è / o lingua di versi, è culminanu cù un insegnamentu o una morale.
  • Cuntinutu: abituale E tematiche di u cumpurtamentu umanu sò trattate, induve spiccanu i vizii, l'invidia, l'arroganza. Rabbia, disonestà, avidità è avidità.

  • Narrativa: di solitu a favula hè relatata da un narratore chì conta a storia in terza persona.

Benefici di e favule

  • L'impurtanza di u generu risiede in a prumuzione di un bon comportamentu è attitudine in i zitelli è i giovani. Sò strumenti utili chì servenu per insegnalli è motivalli, i seguenti ponu esse ottenuti da a so implementazione sia in casa sia in l'istitutu d'istruzione:
  • A morale chì queste nuvelle brevi lascianu insegnà à i zitelli è à l'adulescenti à comportassi in modo adeguatu, tenendu sempre in contu i valori di l'amore, l'amicizia, l'onestà, l'ubbidienza, u rispettu, a comprensione è l'altri.
  • Stimulanu u imaginazione è capacità ragiunamentu di u zitellu è di a ghjuventù.
  • Cù e favule amparanu à rispettà è apprezzà l'animali, evitendu cusì u maltrattamentu di elli.
  • Cù l'attività ricreative chì si sviluppanu cù l'usu di e letture, u zitellu impara à relazione è à sparte cù l'altri, è dinò per sviluppassi è sprimesi cù u disegnu è u cantu.
  • Prumove l'interessu per a lettura.
  • Alcuni esempi
  • Quì vi mostremu alcuni mudelli di favule chì serviranu da strumentu d'insignamentu per i zitelli è l'adulescenti o vi daranu simpliciamente una sperienza di viaghju in tempu in modu chì vi ricurdate di questi mumenti quandu avete amatu queste storie:

A tartaruga è a lepre:

C'era una volta una lepre assai fiera è vana, chì continuava à sparghje ch'ella era a più rapida è si ridia di a lentezza di a tartaruga.

- Ehi, tartaruga, ùn corre micca tantu ùn andeti mai à chjappà u vostru scopu! La lepre hà dettu di ridì à a tartaruga.

Un ghjornu, a tortuline hè stata cun una scumessa in a lebbra:

- Sò sicuru ch'e possu vintu una corsa.

- U mo? La lepre hà dumandatu à u stantu maravigliu.

- Iè, iè, dicia a tortuga. Mettimu e nostre scommesse è vedemu quale vince a corsa.

A lepre, assai presuntuosa, hà accettatu a scumessa.

Allora tutti l'animali s'arrizzonu per vede a razza. U manduca indicò i punti di partenza è l'arrivu, è senza primu adoatu accuminciò a carriera in l'incredulità di l'assistenti.

Cunning and very self-confident, a lepre hà lasciatu chì a tartaruga a superava è continuava à burlassi di ella. Dopu, hà cuminciatu à corre prestu è hà pigliatu a tartaruga chì caminava pianu pianu ma senza piantà. Hè firmatu solu à mità di un pratu verde frondosu, induve si hè stallatu per ripusassi prima di finisce a corsa. Quì s'addurmintò, mentre chì a tartaruga cuntinuava à marchjà, passu dopu passu, pianu, ma senza piantà.

Quandu u prezzu di u lenzu hà despertu, vide à teme chì a tortuga hè stata distanti da u ghjocu. In un principiu, curria cù tutte e so putere, ma era troppu tardu: a tortuga avia arrivatu u mira è vittatu a razza!

Quellu ghjornu a lepre hà amparatu, in mezu à una grande umiliazione, chì ùn si deve mai burlassi di l'altri. Avete amparatu ancu chì a cunfidenza eccessiva hè un ostaculu per uttene i nostri scopi. È chì nimu, assolutamente nimu, hè megliu cà nimu.

Sta fola ci lascia cusì murali, chì malgradu e circustanze è l'adversità chì si presentanu, a ghjente deve restà sempre ottimista è perseverante, postu chì in questa vita tuttu hè pussibule. Ci insegna u valore di u sforzu è chì ùn duveriamu mai burlassi di l'altri per e so limitazioni o impedimenti.

A cicogna è u lione:

Un leone feroce è arrogante era, in una occasione, divurendu una preda deliziosa ch'ellu avia appena cacciatu. Avia tanta fame chì, involuntariamente, si ficca troppu carne in bocca è si strangulò cù un ossu. Hà cuminciatu à saltà, à filà, à tussà ... Era impussibile, l'ossu era appiccicatu in a so gola è ùn pudia micca caccià lu in alcun modu. Hà ancu pruvatu à mette a so zampa in bocca, ma hà sappiutu solu grattassi e unghje è irrità u palatu.

Una cicogna u fighjava da a cima di un arburu. Videndu chì u lione era addisperatu, s'interessò per ellu.

- Chì ci hè, lione? Ùn fate chè lagnassi!

- Aghju passatu un gattivu momentu. Aghju un ossu appiccicatu in gola è ùn riesce guasi à respirà. Ùn sò micca cumu esce lu!

- Puderia sbarrazzassi di quellu ossu chì vi face tanta angoscia perchè aghju un beccu assai longu, ma ci hè un prublema è ghjè ... Aghju paura chì mi manghji!

U lione, sperendu, cuminciò à supplicà a cicogna. Si hè ancu messu in ghjinochje, qualcosa di insolitu per u fieru rè di a giungla!

- Aiutami per piacè! Vi prumettu di ùn fà male! Sò un animale salvaticu è temutu da tutti, ma tengu sempre ciò chì dicu. Parolla di rè!

A cicogna ùn pudia piattà a so nervosità. Saria sicuru di fidà si di u lionu ...? Ùn era micca chjaru in tuttu è era pensativa à decisu chì fà. Intantu u felinu, mughjava è pienghjia cum'è un criaturu. A cicogna, chì avia un core bonu, infine si arresi.

- Va bè! Ti fidu. Stenditi nantu à u vostru spinu è aprite a bocca u più largu chì pudete.

U lione si stese guardendu u celu è a cicogna pusò un bastone chì tenia e so mascelle tamante da ùn pudè li chjode.

- È avà, ùn ti move micca. Questa operazione hè assai delicata è, se ùn va micca bè, u rimediu pò esse peghju di a malattia.

Ubbidendu à u cumandu, u lione si fermò fermu è l'acellu lampò u so beccu longu è finu in a so gola. Ci hè vulsutu un pocu di tempu, ma per furtuna hè riesciutu à truvà l'ossu è l'estrau cun grande abilità. Dopu, hà ritiratu u bastone chì tinia a bocca aperta è à tutta velocità, per u casu, si ne vultò per rifugiassi in u so nidu.

Dopu qualchì ghjornu, a cicogna turnò à u duminiu di u lione è u truvò assai cuncentratu à divurà un antru pezzu maiò di carne. Si pusò cun primura nantu à un ramu altu è chjappò l'attenzione di u lione.

- Salute, amicu ... Cumu ti senti?

- Cumu pudete vede, sò perfettamente recuperatu.

- Vi diceraghju qualcosa ... L'altru ghjornu ùn m'avete mancu ringraziatu per u favore chì vi aghju fattu. Ùn hè micca per nunda, ma pensu chì in più di a vostra ricunniscenza, mi meritu un premiu. Ùn pensate micca?

- Un premiu? Duvete esse felice perchè aghju risparmiatu a vostra vita! Hè un bonu premiu per voi!

U lione, dopu avè liberatu ste parolle cù un tonu piuttostu scortesu, hà continuatu a so attività, ignurendu a nobile cicogna chì li avia salvatu a vita. L'acellu, benintesa, era assai in zerga per u disprezzu cù u quale u lione pagava u so aiutu altruistu.

- Ah iè? Cusì pensate? Site ingratu è u tempu mi darà ragione. Forse un ghjornu, quale sà quandu, a listessa cosa ti accadrà di novu è ti assicuru chì ùn vinaraghju micca per aiutà ti. Allora valuterete tuttu ciò chì aghju fattu per voi. Arricurdatevi di ciò chì ti dicu, lionu ingratu! È senza dì nunda altru, a cicogna si ne andò per u sempre, lascendu daretu u lione, chì ùn la fighjava mancu, interessata solu à suddisfà u so appetitu.

Morale: los duvemu esse grati à quelli chì ci danu u so sustegnu in una circustanza difficiule. Altrimenti pò esse una causa di offesa è inimicizia.

L'asinu chì porta u sale è l'asinu chì porta e spugne:

Dui sumeri andavanu per una strada. Unu purtava sale è l'altru spugne. U primu si fermava ogni tantu, pisatu da u pesu, duvendu suppurtà a burla di u secondu chì era più leggeru.

Ghjunsenu à un fiume chì duvianu attraversà, è u sumere carcu di sale si hè messu in acqua. À u principiu hè affunditu sottu à u pesu, ma l'acqua dissolve u sale è, oramai assai più legera, hè stata capace di ghjunghje à l'altra costa. U sicondu sceccu, videndu chì u so cumpagnu s'era francatu, si ne hè andatu in acqua senza pensà. Quand'ellu purtava spugne, anu assorbitu l'acqua è aumentatu u so pesu, affundendu l'animale è s'annegò.

Morale: Ùn vi lascià mai ingannà da a prima impressione, hè u risultatu finale chì conta.

U lione è a zanzara:

C'era una volta un leone, era assai tranquillu in a giungla, quandu una zanzara assai grande hà decisu di disturballu ". Ùn pensate micca chì perchè site più grande di mè aghju paura di voi!«Hà dettu a zanzara chì sfidau u lione, cunnisciutu cum'è u rè di a giungla. Dopu à ste parolle, a zanzara nè corta nè lagnosa, cuminciò à zumbà a testa di u leone chì volava da una parte à l'altra, mentre chì u lione circava a zanzara cum'è una pazzia.

U lionu urlò di rabbia à l'audacia di a zanzara è malgradu i so tentativi di tumballa, a zanzara l'hà muzzicatu in diverse parti di u corpu, finu à chì u lione troppu stancu hè cascatu in terra. A zanzara, sintendusi vittoriosa, ripigliò u percorsu da u quale venia. In pocu tempu a zanzara hè inciampata nantu à una ragnata è hè stata scunfatta anch'ella.

Morale: Ùn ci hè mai picculi periculi, nè inciampi insignificanti.


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

2 cumenti, lasciate i toi

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.

  1.   Luis Gonzalez dijo

    A struttura litteraria hè assai larga è efficace. Grazie.

  2.   Maria del Roble Luna Pérez dijo

    Caru redattore è squadra amministratore
    Articulu eccellente, m'hà fattu ricurdà quandu u mo babbu m'hà dettu e favule chì li amava è avà vogliu esse un narratore è bè e favule sò megliu perchè sò brevi è lascianu a morale, un insegnamentu di vita chì hè tantu necessariu.
    Felicità
    Luna di mare