Invidia: sughjettu tabù

Basta à leghje a parolla per evucà in noi un sintimu spiacevule è guasi rifiutatu. L'Invidia hè trattata cum'è un sughjettu tabù, malgradu u fattu chì hè presente in tutti noi - in una misura più grande o minore - è in tutte e società. In più, ùn ci hè guasi nisuna ricerca nantu à questu sughjettu.

L'Invidia è a gelosia sò state spessu usate indistintamente ma ci hè una differenza chjara trà sti dui cuncetti. L'Invidia hè discritta cum'è u desideriu d'acquistà qualcosa chì un'altra persona pussede mentre a gelosia si traduce cum'è paura di perde qualcosa chì avemu dighjà pussessu. E duie emozioni implicanu una diada (vale à dì, duie persone) chì a relazione hè mediata da un oggettu di desideriu. Pò esse un bè materiale, l'aspettu fisicu di un'altra persona, u so successu prufessiunale o qualcosa di immateriale cum'è l'amore o l'affettu di qualcunu. U puntu hè chì Quandu una persona chì pussede un beni preziosu (materiale o micca) realizeghja l'invidia è a conseguente minaccia chì u circonda, pò sperimentà a gelosia sentendusi vulnerabile. Schoek afferma chì "l'invidia hè una emozione diretta; senza un scopu, senza una vittima, ùn pò accade »(1969). Una persona ghjelosa, invece, ùn hè micca ghjelosa di a persona vista cum'è una minaccia, ma hè ghjelosa di ciò chì pussede perchè hà paura di perdela. Allora una persona pò sente invidia è ghjilosu à u listessu tempu. Pò esse ancu chì l'invidia sia imaginata è a persona sperimenta ghjelusia cumpletamente infundata. In questi casi, duvete esplorà da induve vene quella paura irrazionale di perdita o abbandunamentu.

L'Invidia hè vista, almenu inconscientemente, cum'è un'emuzione particularmente periculosa è distruttiva. L'omu teme e cunsequenze di l'invidia di l'altri è ancu di a so invidia. Ancu in i casi in i quali ammettemu di esse invidiosi di qualcunu, hè cumunu di clarificà à u nostru interlocutore "ma sana invidia eh!". Per alcune persone hè ancu scomudu di riceve cumplimenti -ancu sì sò ben intenzionati- per via di a pussibule connotazione d'invidia ch'elli ponu suppone. In fattu, in parechje culture sò stati schierati rituali simbolichi per pruvà à cuntrastà o neutralizà quella paura è ciò chì hè cunnisciutu cum'è "u male ochju". Ancu in i matrimonii, quandu a sposa appena sposata lancia u mazzulu di fiori à i so amichi soli, hè un attu simbolicu uriginale destinatu à calmà l'invidia.

Malgradu a so presenza indubbia in a nostra vita d'ogni ghjornu, simu generalmente abbastanza riluttanti à ammette è parlà apertamente di l'invidia. Pò ancu parè assai goffu di dì chì qualchissia ci invidia. È quandu si tratta di famiglia o amichi, ancu più difficiule da vede. Semu capaci di ammette sentimenti di culpabilità, vergogna, orgogliu, avidità è ancu rabbia o rabbia ma hè guasi impussibile - almenu in e sucietà occidentali - ricunnosce l'invidia.

Questu hè spiegatu da u fattu chì l'invidia implica chì ci paragunemu cù l'altri. È ricunnosce invidia significa ricunnosce a vostra inferiorità à st'altra persona. In fatti, più cà invidia stessa, ciò chì hè cusì difficiule à accettà hè u sintimu d'inferiorità. Quandu l'inferiorità hè percepita cum'è per via di fattori esterni al di là di u nostru cuntrollu ("sfortuna" per esempiu), hè sempre sopportabile, ma quandu si tratta di assumere una carenza in e nostre abilità, l'impattu hè devastante perchè danneghja a nostra autoimaghjina. È poche sensazioni sò distruttive per u nostru ego cum'è invidia, postu chì cuntrariu à a rabbia o à altre emozioni, ùn ci hè nisuna giustificazione accettabile socialmente per questa emozione. Per ùn avè bisognu di trattà cun tale sofferenza, l'essere umanu hà dunque amparatu à nigà l'invidia per via di e razziunalità scrive: "Ùn mi piace micca", "hà uttenutu stu travagliu fora di a scatula in ogni casu", "Ùn mi piace micca u so modu di vestisce, ride, cammina ...", è cusì nantu à una lista infinita. Per questu ùn vogliu micca dì chì perchè ùn ci piace à qualcunu, hè sempre per invidia. Hè chjaru chì ùn pudemu micca esse d'accordu cù tutti ancu ma ciò chì pensu hè impurtante hè chì, Quandu sentimu irritazione è / o rigettu versu qualchissia senza ragione apparente, sapemu cumu dumandassi da induve vene sta reazione emotiva. Sta persona mi ramenta à qualchissia chì si burlava di mè in a mo zitellina? Sò invidiosu di qualcosa chì avete? Perchè suscita tanta carica emotiva in mè? Perchè cum'è si cunnosce, à l'altru estremu oppostu à l'amore (apprezzamentu) hè l'indifferenza, micca l'odiu ...

Dipoi chì simu chjuchi ci anu datu l'idea chì l'invidia hè pessima è chì hè vergugnoso di sente la. Hè per quessa chì tendemu à mascherallu è negallu. È in generale, credemu veramente chì ùn simu invidiosi. Quandu simu accusati di questu, tendemu à risponde vociferamente è difensivamente, nigendu pianu pianu sta pussibilità.

D 'altra banda, a sucietà, puru cundannendu l'invidia, a favurisce dinò. A divisione di a sucietà in strati suciali hè a fonte di assai risentimentu trà e classi inferiori (è ghjustamente). Tuttavia, paradossalmente, più e marcate è visibili sò e sferenze socioeconomiche (cum'è u casu in Messicu, per esempiu), menu speranza di cuncurrenza serà, postu chì serà vista cum'è qualcosa troppu luntanu per esse desideratu. Invece, tenderete à idealizà e classi superiori, puru sentendu un profondu risentimentu versu elli. A più grande uguaglianza cù un'altra persona (avendu età simili, travagliendu in u listessu settore, essendu parte di u listessu gruppu di amici, ecc.), Più seremu propensi à rivalità. In altre parolle, simu più propensi à sente invidia versu un cumpagnu di travagliu chè versu u nostru capu, per esempiu.

A publicità hà ancu un rolu cruciale per incitarà l'invidia. postu chì prova à cunvince i cunsumatori chì li mancanu qualcosa per esse più cumpletti o più felici, è chì s'elli ùn anu micca tale cosa, ùn seranu micca "à l'altezza" paragunatu à l'altri populi chì godenu di un tale pruduttu o serviziu.

L'Invidia pò esse un stimulante per sforzassi per uttene qualcosa di desiderabile, esse più produttivu o migliurà in una zona. Ci spinge à migliurà noi stessi. Tuttavia, quandu una persona si confronta costantemente à l'altri è ùn riesce micca à uttene questi obiettivi, tale frustrazione pò à volte diventà periculosa. L'errore hè di fighjà troppu nantu à l'altri è micca abbastanza nantu à a vostra unicità è risorse (chì per via avemu tutti, senza alcuna eccezione, avemu). A persona, chì ùn hà micca un "I" abbastanza integratu o un "I" troppu fragile, si dimentica di sè stessu in u prucessu è diventa ossessionata da diventà qualcunu chì ùn serà mai. Questa intensa delusione Pò purtassi à vulè privà a persona invidiata di l'ughjettu di u desideriu attraversu aggressioni indirette o dirette perchè vedrete u successu di l'altru à spese di u vostru propiu.

L'invidia pò esse spressa apertamente ma postu chì hè mal vista, hè più cumunu à cumparisce piattatu. Pettegolezzi, critiche o diffamazione per esempiu, parechje volte piattanu una forte invidia daretu postu chì sò un strumentu putente per dissuadere o piantà quelle persone chì "volanu troppu in altu". Sò in breve, forme di cuntrollu. Inoltre, mostrendu pocu interessu, sustegnu o apprezzamentu quandu una persona vicina (famiglia, amichi, ecc.) Viaghja bè in qualchì zona di a so vita pò - ancu se micca sempre- denotà una certa invidia. Alcuni cummenti apparentemente insignificanti ponu ancu riflettà un tonu invidiosu (spessu non verbale). D'altra parte, u fallimentu di trattà certi temi chì sò cunnisciuti per esse di grande impurtanza per l'altra persona pò ancu esse indicazioni di invidia.. "I boni amichi si ricunnoscenu micca solu in i tempi cattivi, ma ancu quandu e cose vanu bè per noi."

Più estremu hè u mobbing. In questi casi hè spessu u casu chì l'invidiosu hè descrittu cum'è assai amichevule da a maggior parte di e persone è mostra ancu una tremenda ostilità versu una persona specifica: a persona invidiata. L'agressione hè generalmente assai sutile è à pena diffusa da l'altri cum'è hè principalmente carattarizatu da attacchi non verbali (è dunque difficiule da dimustrà) cume rifiutà a cumunicazione diretta (ignorà), isolà a persona, lancià sguardi brutti, fà cummenti indiretti destinati à ferisce, ecc. L'invidiosu insisterà à ricurdà à a persona invidiata di i so sbagli è di l'imperfezione (postu chì a vedenu perfetti), feranu scherzi maliziosi chì parenu più cum'è burla, ecc.

I particulari chì ùn sò micca soddisfatti di a so vita (o di un aspettu di questu) è di bassa autostima sò spessu i più propensi à l'invidia. Cuminciate sempre cun voi stessu. Cumu pudete esse felice per un altru se sè stessu ùn site micca cuntentu? Cumu pudete preoccupassi di un'altra persona se ùn vi date micca valore?

Per cunclude st'articulu, vogliu enfatizà l'importanza di ricunnosce l'invidia in noi stessi è in l'altri, postu chì hè assai più dannosa quandu ùn a capemu micca o ùn a rilevemu. Sapendu chì vene da l'insecurità ci aiuta à esse più empatichi (cù l'altri è cun noi stessi) è ci hà da influenzà ancu di menu. S'ellu hè una persona chì ci interessa veramente, parlà apertamente à u riguardu è "mette e carte nantu à u tavulinu" hè a cosa migliore da fà, quantunque sia scomoda. Spessu ùn simu micca cuscenti di a nostra invidia o ne simu cusì culpevuli di sente la chì a negemu automaticamente. L'invidia stessa ùn hè micca dannosa postu chì face parte di a natura umana, hè ciò chì femu cun ella chì ne determinerà a qualità. D’altronde, s’ellu ùn ci hè un ligame affettivu cù sta persona, hè megliu à prutege si è pussibule, alluntanassi da tali pessime vibrazioni.

Sò chì questu hè un prublema spinoso, ma vi invitu à spartite e vostre sperienze è scopre copre! Site cuscenti di a vostra invidia? Cumu manighjà a vostra invidia è quella di l'altri? Chì pensate chì deve esse fattu in questi casi?

da Jasmine murga

Questu articulu hè statu ispiratu da l'articulu "L'anatomia di l'invidia: un studiu in cumpurtamentu simbolicu" di George M. Foster (1972).


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

4 cumenti, lasciate i toi

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.

  1.   Briggi Lunguieki dijo

    Salute Jasmine,

    Mi piacerebbe sparte cun voi a mo sperienza d'invidia di a quale so (o piuttostu era) cunnuscente.
    Hè una brava amica è cumpagna di studiente. In u primu annu di scola era assai difficiule per mè d'ùn esse invidiosu per ella. L'aghju avutu. Hà sempre avutu gradi più alti cà mè, sempre. Micca solu per cunniscenza o ancu per furtuna. Per sempre. D 'una banda, m'hà molestatu assai è cum'è a descrivi, aghju cuminciatu à sentirmi inferiore à ella. Ma d'altra parte, hà avutu un altru cunflittu: hè una bona amica. Dunque, duvete esse felice per ella, nò? Cum'è l'avete dettu: "I boni amichi ùn si ricunnoscenu micca solu in i tempi cattivi, ma ancu quandu e cose vanu bè per noi."
    Cusì un ghjornu aghju decisu di sparte i mo penseri cun ella. Da questu mumentu, era ridiculu d'esse invidiosu per ella. Semu tramindui circondati da circustanze di vita diverse è dipende assai da quantu pudemu fà un sforzu quandu studiamu. Duvete vede ciò chì unu hà rializatu malgradu e circustanze di a vita chì anu resu a vita difficiule. Perchè finu à chì smette di paragunà voi stessi à l'altri ùn puderete micca vede quantu sò grandi e vostre rializazioni. Ùn si pò micca marchjà in a vita paragunendusi à l'altri senza tene contu di e diverse circustanze di a vita chì portanu à un certu successu (o micca). Quandu parlu cù u mo amicu l'aghju capita è avà sò assai più calmu. A nostra amicizia ùn hà micca cambiatu. E, attualmente, quandu uttenemu incarichi o esami è ella hà risultati megliu, a felicità è sò veramente felice per ella.
    Ma di tantu in tantu ... mi pichja un pocu, mancu ùn menteraghju. Cumu possu trattà questu?

    Grazie per l'articulu! L'invidia, in particulare trà l'amichi, deve esse parlata è discututa più spessu.

    Saluti da Lima

    1.    Jasmine murga dijo

      Salute Briggi. Grazie mille per avè spartutu una sperienza cusì intima. Mi pare assai curagiosu è generosu di voi. Inoltre, u fattu stessu chì parli cusì apertamente è genuinamente à questu denota micca solu a vostra capacità sviluppata per l'introspezione è l'interrugazione ma ancu assai integrità da parte vostra. Tutti sperimentemu invidia senza eccezione, hè intrinseca à a nostra natura umana (hè un mutore chì ci spinge à vulè migliurà noi stessi), ma ciò chì differenzia una invidia sana da una invidia dannosa (è à volte ancu distruttiva) hè precisamente quella capacità di ricunnosce lu in noi stessi. Perchè in a maiò parte di i casi tendemu à nigà e parti di noi stessi chì ùn ci piacenu micca è chì a negazione, per ùn esse espressa o liberata, ci avvelina. U modu in cui avete affrontatu sta emozione, allargendu a vostra visione à e circustanze assai diverse chì vi circondavanu è u vostru amicu, hè esemplariu. U fattu ch'ella ti tenga "prodding" un pocu quandu ella ottene migliori qualità hè tutale nurmale. L'impurtante hè di fà chì a sensazione sia cuscente in a vostra mente è in u vostru corpu. Ùn hè micca necessariu ma s'ellu ci hè abbastanza cunfidenza è si sente, si pò ancu dì cum'è una burla è cun affettu «Jo, ti odiu !! Cumu fate ?? " (O quantunque esce). I scherzi sò un modu efficace per sfiatà è incanalà e nostre emozioni.

      Grazie ancora Briggi per u vostru input!

      Tanti saluti,

      Jasmine

  2.   dijo

    Ùn aghju micca avutu invidia per nunda o per nimu. Aghju avutu una bona zitellina, avemu campatu bè in una grande casa, ùn eru micca una ragazza brutta è eramu una famiglia idilliaca. Avà sò un adultu, aghju una famiglia. sentu invidia. Ancu se ùn cambieraghju mai a mo famiglia Nè mi sentu invidia per a mo figliola per un certu generu. Rn specificamente per una mamma à a scola di a mo figliola. Hè un pocu presuntuosa perchè ella, à u cuntrariu, hà avutu una zitella peghju, era un anatrussu bruttu, bullyng ... ma avà hà un bon travagliu è un chalet. È in più di questu, ella parla constantemente di ciò chì hà: comprimiti, piscina ... è campu in un appartamentu, chì hè assai bè ma i paragoni sò grandi.

    1.    dijo

      Ah per finisce quella mamma hè l'unicu chì cunnoscu perchè sò nova in cità è ùn hè micca gattiva ghjente è a so figliola è a mo sò e migliori amiche è simu assai coincidenti ma ùn possu micca aiutà à sente male quandu ella principia a so corda o quandu mi mostra u so chalet pensu sempre chì aghju assai cù a mo famiglia chì hè u megliu di u mondu è a vede male cù u so maritu chì ùn parla micca è hè bruttu ma quantunque ... tuttu hà cuminciatu quandu u mo a surella hè morta è aghju cuminciatu à sente mi disgrazia