12 Puemi Barocchi chì ùn si pò piantà di leghje

U "Baroccu" hè cunsideratu cum'è u periodu da u XVII à u VXIII induve ci hè statu un cambiamentu culturale in u modu di ammirazione è di percezione di l'arte in qualsiasi di e so forme, vale à dì, sia literatura, scultura, musica, teatru o puesia.

In questa occasione, vulemu enfatizà a puesia barocca, purtendu vi alcuni di i puemi barocchi chì hà avutu a più grande ripercussione in quelli tempi è chì ancu oghje continuanu à gode di pupularità.

Fondamentalmente, in questu periodu dopu à l'arte rinascimentale, l'omu si concentra nantu à a creazione d'arte chì riflette a delusione è u pessimisimu cum'è un modu di vede a vita, vale à dì, l'artisti sò stati ispirati da l'idea chì u mondu era pienu di false illusioni. Induve in Spagna, u paese u più impurtante di u muvimentu, u fiascu hà ghjuntu à l'imperu è hà finitu a munarchia di l'ultimi rè di a Casa d'Austria (Felipe IV è Carlos II).

Vi mostremu sti 12 Poemi Barocchi

A puesia barocca hà cupertu un gran numeru di temi chì sò stati scritti liricamente per a prima volta. Ancu se "l'amore" era ancu un tema cumunu di st'epica, l'artisti anu focalizatu di più nantu à temi suciali, religiosi è filosofichi.

Frà pueti i più impurtanti di u baroccu, pudemu truvà Luis de Góngora, Francisco de Quevedo, Sor Juana Inés de la Cruz, Giambattista Marino, Andreas Gryphius, Daniel Casper Von Lohenstein, Jean-Baptiste Poquelin, Pedro Calderón de la Barca, Tirso Molina, Torquato Tasso, John Milton, Gregório de Matos Guerra , Bento Teixeira è assai altri più. Tuttavia, quì sottu vi mustraremu alcuni di i migliori puemi di u Baroccu.

1. Hè u ghjacciu ardente, hè u focu ghjalatu

Brucia ghiacciu, hè focu ghjelatu
hè una ferita chì face male è ùn si pò sente,
hè un bè sunniatu, un gattivu rigalu,
hè una breve pausa assai stancante.

Hè un oversight chì ci dà cura,
un vigliaccu cù un nome bravu,
una spassighjata sola trà a ghjente,
un amore solu per esse amatu.

Hè una libertà incarcerata
chì dura finu à l'ultimu parossismu,
malatia chì cresce s'ella hè guarita.

Questu hè u zitellu Amore, questu hè u vostru abissu.
Fighjate chì amicizia averà cù nunda
quellu chì hè cuntrariu à sè in tuttu!

author: Francisco de Quevedo

2. Stop ombra ...

Stop, ombra di u mo bè sfuggente,
maghjina di l'incantesimu chì mi piace di più,
bella illusione per a quale morgu felice,
dolce fizzione per quale campu.

Se u magnetu di i vostri ringraziamenti, attraente,
serve u mo pettu d'acciaio ubbidiente,
Perchè mi fate innamurà lusingatu
si devi burlà di mè allora fugitivu?

Ma ùn pudete micca blasoni, soddisfatti,
chì a to tirannia triunfessi nantu à mè:
chì ancu se lasciate u ligame strettu burlatu

chì a vostra fantastica forma cinturata,
ùn importa micca di burlà bracci è pettu
se a mo fantasia vi sculpisce a prigiò.

author: Sor Juana Ines de la Cruz

3. Un sonettu mi dice di fà Violante

Un sonettu mi dice di fà Violante,
chì in a mo vita mi sò vistu in tanti guai;
quattordici versi dicenu chì hè un sonettu,
burlendu burlendu vanu i trè davanti.
Pensu chì ùn pudia truvà una cunsunante
È sò in mezu à un altru quartu
ma se mi vecu in a prima tripletta,
ùn ci hè nunda in quartetti chì mi spaventi.
per u primu triplettu sto entrendu,
è pare chì sia entrutu à u pede ghjustu
Ebbè, finisci cù stu versu chì dò.
Sò dighjà in u secondu è suspettu sempre
Aghju attraversu i tredici versi chì finiscenu:
contà s'ellu ci hè quattordici è hè fattu.

author: Lope de Vega

puemi barocchi

4. À i fiori

Quessi chì eranu pompa è gioia
Svegliu à l'alba di a mattina,
u dopu meziornu seranu pietà vana
dorme in i bracci di a notte freta.

Questa tonalità chì sfida u celu,
Iris striatu d'oru, neve è scarlatta,
serà un esempiu di vita umana:
Tantu si intraprende in un ghjornu!

Per fiorisce e rose s'arrizzonu prestu,
è per invechjà anu fiuritu:
culla è tomba in un buttone trovu.

Tali omi chì a so furtuna anu vistu:
in un ghjornu sò nati è scaduti;
chì passatu i seculi, l'ore eranu.

author: Pedro Calderon de la Barca

5. À un pittore fiamminghju, mentre pitturava u so ritrattu

Arrubate u mo cultu è più ellu li deve
à a to spazzola, duie volte pelegrinu,
di spiritu vivace u linu cortu
in i culori chì beie assetati,

vane cennere aghju paura di u linu cortu,
chì emulazione di u fangu mi imagineghju,
à quale, sia etereu sia divinu,
a vita li dava mutu splendore dolce.

Gentile Belga, procedi à furti nobili;
chì u focu pardunerà a so materia,
è u tempu ignurarà a so struttura.

I seculi chì una quercia hà in e so foglie,
l'arburu li conta sordi, u troncu cecu;
chì vede di più, chì sente di più, menu dura.

Autore: Luis de Góngora

6. Un omu cù un nasu maiò

C'era una volta un omu ficcatu u nasu,
una volta nantu à un nasu superlativu,
una volta c'era un nasu è scriveva,
C'era una volta un pesciu spada assai barbutu.

Era una meridiana cunfruntata male,
una volta nantu à un altare riflessivu,
una volta c'era un elefante faccia in su,
Ovidio Nasón era più narratu.

C'era una volta un spronu di galera,
era una volta una piramide in Egittu,
e dodeci Tribù di u nasu eranu.

C'era una volta un nasu assai infinitu,
tantu nasu, nasu cusì feroce
chì di fronte à Annas era un crimine.

author: Francisco de Quevedo

7. Quandu pensu cumu a mo luce si spegne

Quandu pensu cumu a mo luce si spegne
Cusì prestu in stu mondu bughju è largu
È quellu talentu chì hè a morte da piattà
Allughjatu in mè, inutile; ancu se a mo ànima s'hè inchinata
Per serve cusì u mo Creatore, è prisentallu
A mo culpabilità è guadagnà u so apprezzamentu
Chì travagliu manderà postu chì mi hà negatu a luce?
Dumandu cun affettu. Ma pacienza, per prevene
Issu rimore, risponde prestu: "Diu ùn hà micca bisognu
Nè u travagliu di l'omu nè i so doni: quale megliu
Supporta u to ghjugliu leggeru chì megliu li serve. U vostru mandatu
Hè nobile; millaie si precipitanu à a vostra chjama
È viaghjanu terra è mare senza riposu.
Ma hè ancu utile à quelli chì sò solu in piedi è aspettanu.

author: John Milton

8. Stanzi galanti

Chì l'amore ti reveli avà.
Cù i mo suspiri lasciatevi infiarà.
Ùn dormi più, criatura seducente,
Ebbè, a vita dorme senza amà.

Ùn ti ne fà. In a storia d'amore
si face più male chè quellu chì soffre.
Quandu ci hè amore è u core pienghje,
u male stessu imbellisce i so dulori.

U male di l'amore cunsiste à piattà lu;
Per evitalla, parlate à u mo favore.
Stu diu vi face paura, trema quandu u vedi ...
Ma ùn fate micca un misteru d'amore.

Ci hè un dulore più dolce ch'è d'esse amatu?
Si pò soffre una lege più tenera?
Chì in ogni core regna sempre,
l'amore regna in u vostru cum'è rè.

Arrenditi, allora, oh, criatura celeste;
dà u cumandamentu di l'Amore fugace.
Amore mentre dura a to bellezza,
chì u tempu passa è ùn volta più!

author: Jean-Baptiste Poquelin (Molière)

9. Paragunate u vostru amatu cù l'alba

Quandu l'alba esce è u so visu pare
in u spechju di l'onde; Mi sentu
e foglie verdi sussuru in u ventu;
cum'è in u mo pettu u core suspira.

Cercu ancu a mo aurora; è s'ella volta à mè
sguardu dolce, morgu di cuntentezza;
Vecu i nodi chì fughjendu sò lentu
è chì facenu chì l'oru ùn sia più ammiratu.

Ma à u novu sole in u celu serenu
ùn sparghje a matassa cusì calda
A bella amica ghjelosa di Titón.

Cum'è i capelli d'oru luccicanti
quellu ornamenti è curona a fronte innevata
da chì u so riposu m'hà arrubatu da u senu.

author: Torquato Tasso.

10. I vizii

Sò quellu chì in l'anni passati
Aghju cantatu cù a mo lira maledetta
Goffa brasiliana, vizi è inganni.

È bè chì ti aghju ripusatu tantu,
Cantu dinò cù a listessa lira,
u listessu numeru nantu à un plectrum diversu.

È sentu chì mi infiamma è mi ispira
Talía, chì hè u mo anghjulu custode
postu chì hà mandatu Febu per aiutami

author: Gregoriu di Matos Guerra

11. À un altare di Santa Teresa

Quellu chì vedi in misericordia, in fiamma, in volu,
aratu in terra, in a pira di u sole, in l'acellu di u ventu,
Argus di stelle, imitatu nave,
E nuvole vincenu, l'aria si rompe è tocca u celu.

Hè dunque chì a cima di u Carmelu
parenu fideli, mansu occupanu è solcanu a tomba,
cun ammirazione muta si mostra süave
amore castu, fede ghjustu, zelu pietosu.

Oh chjesa militante, più sicura
pisà terra, l'aria s'accende, vela marina,
è più piloti chì u vostru guvernu fideghja!

Eternu trionfu, stà fermu, campà puru;
chì dighjà in u golfu chì vedi hè inundatu
culpabilità infidele, errore goffu, eresia ceca.

author: Pedro Calderon de la Barca

12. A disgrazia di i furzati

A disgrazia di u furzatu,
È l'industria da u corsariu,
A distanza da u locu
È u favore di a Fortuna,
Quella per e bocche di u ventu
Li aghju datu aiutu
Contru à e croce cristiane
À e lune ottomane,
Anu fattu di l'ochji
Da u furzatu à un tempu fughjite
Patria dolce, candele amichi,
Speranze è bona furtuna.

Ritorna, allora, l'ochji tristi
Per vede cumu u mare u arrubba
E torre, è vi dà nuvole,
E candele, è dà spume.

È videndu più appaciati
In u cumitatu a furia,
Versendu lacrime ella dice
Cum'è amaru cum'è parechji:
Di quale mi lagnu cun una fine cusì bella,
Se aiutaghju i mo danni cù a mo paddle?

«Ùn aspettate micca di vede i mo ochji più,
Ebbè avà ùn l'anu micca vistu
Senza sta paddle e to mani,
È i pedi senza sti ferri,
Què in sta mio disgrazia
A furtuna m'hà scupertu
Quantu eranu i mo anni
Tanti seranu i mo turmenti.

Di quale mi lagnu cun una fine cusì bella,
Se aiutaghju i mo danni cù a mo paddle?
Candele di Religione,
Verificate a vostra audacia,
Quantu male ci pudete ghjunghje
Beh, pruvate u mo rimediu.

U nemicu vi lascia
È favurite lu tempu
Per a vostra libertà micca tantu
Quantu per a mo prigiuneru.

Di quale mi lagnu cun una fine cusì bella,
Se aiutaghju i mo danni cù a mo paddle?
Stà in Achaean Beach,
Da i mo penseri portu;
Lamentu di u mo disgrazia
È ùn culpite micca u ventu.

È tù, u mo dolce suspiru,
Rompi l'aria ardenti
Visita a mo bella moglia,
È in u mare d'Alger vi aspettu. »
Di quale mi lagnu cun una fine cusì bella,
Se aiutaghju i mo danni cù a mo paddle?

author:Luis de Gongora

Speremu chì ste puesie barocche sianu state di u vostru piacè. Cum'è se cunnosci qualunque altra puesia chì vulete sparte, vi invitemu à aduprà i cummenti.


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

0 cumenti, lasciate i toi

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.