7 Poesie di u Romantisimu chì ùn vi puderete mancà

Si chjama "romanticismu»À u muvimentu culturale è artisticu chì hè natu in Europa à a fine di u XVIIu seculu, specificamente in Germania è in u Regnu Unitu. Chì era destinatu à dà priorità à i sentimenti, ben sopra u razionalisimu è u neuclassicisimu; dunque hè cunsiderata ancu una "rivoluzione" in questu sensu.

À quell'epuca ci era parechje opere è spressioni artistiche in sfarenti duminii cum'è literatura, musica è pittura. Tuttavia, in questu post vulemu enfatizà opere di u principale autori di u rumantisimu veramente stupente in u puesia romantica, induve i pueti anu pruvatu à mette da cantu a regula chì u neoclassicisimu purtava, per pudè cuncentrassi piuttostu nantu à i fattori marginalizati di e norme suciale.

Scuprite ste incredibili puesie di romantisimu

Frà l'autori più impurtanti, avemu Lord Byron, William Blake, Georg Philipp Freiherr, Walt Whitman, Gustavo Adolfo Bécquer, Victor Hugo, Samuel Taylor Coleridge, John Keats, Percy Bysshe Shelley, William Wordsworth, Edgar Allan Poe, frà altri. Tutti ligati da e so puesie romantiche, chì per l'amatori di a puesia di stu generu, sò veri dei.

1. Arriccorda ti di mè

"A mo anima sola piange in silenziu,
eccettu quandu u mo core hè
unitu à i toi in allianza celeste Signore bryon
di suspiru mutuale è d'amore mutuale.

Hè a fiamma di a mo anima cum'è aurora,
brillanti in l'embiu sepulchral:
guasi sparita, invisibile, ma eterna ...
nè a morte a pò maculà.

Arricurdatevi di mè! ... Vicinu à a mo tomba
ùn passà micca, innò, senza fà mi a to preghera;
per a mo ànima ùn ci serà più tortura
di sapè chì avete scurdatu u mo dulore.

Sentite a mo ultima voce. Ùn hè micca un crimine
prega per quelli chì eranu. Ùn mai
Ùn vi aghju dumandatu nunda: quandu scadu vi dumandu di voi
chì nantu à a mo tomba versi e to lacrime."

auturi: Lord Bryan.

2. Annabelle Lee

Eranu parechji, tanti anni fà
in un regnu vicinu à u mare,
ci campava una fanciulla chì pudete cunnosce
cù u nome di Annabel Lee;
è sta signora campava senza altru desideriu
chè d'amà mi, è esse amatu da mè.

Eru un zitellu, è ella una zitella
in quellu regnu vicinu à u mare;
Ci amemu cù una passione più grande chì l'amore,
Eiu è a mo Annabel Lee;
cun tale tenerezza chì i serafini alati
pienghjenu u rancore da l'altu.

È per questa ragione, assai, assai tempi fà,
in quellu regnu vicinu à u mare,
un ventu soffia da una nuvola,
congelà a mo bella Annabel Lee;
l'antenati scuri ghjunsenu di colpu,
è a trascinonu luntanu da mè,
finu à ch'ella sia chjosa in una tomba scura, Puemi rumantichi
in quellu regnu vicinu à u mare.

L'anghjuli, mezu cuntenti in Celu,
Ci anu invidiatu, Ella, mè.
Ié, era a ragione (cume l'omi a sanno,
in quellu regnu vicinu à u mare),
chì u ventu soffia da i nuvuli notturni,
congelendu è uccidendu a mo Annabel Lee.

Ma u nostru amore era più forte, più intensu
cà quella di tutti i nostri antenati,
più grande di quellu di tutti i saggi.
È nisun anghjulu in a so volta celeste,
nisun diavulu sott'à l'oceanu,
ùn possu mai separà a mo anima
di a mo bella Annabel Lee.

Ebbè a luna ùn splende mai senza purtassi à dorme
di a mo bella cumpagna.
È e stelle ùn si alzanu mai senza evucà
i so ochji radianti.
Ancu oghje, quandu a marea balla di notte,
Mi chjinu accantu à a mo amata, a mo amata;
à a mo vita è u mo amatu,
in a so tomba da l'onde,
in a so tomba accantu à u mare chì mughja.

author: Edgar Allan Poe.

3. Circa u dulore di l'altru

Possu guardà u dulore di qualcunu
senza sente tristezza cun ellu?
Possu cuntemplà u dispiacimentu di qualcunu
senza pruvà à allevialu?

Possu fighjà a lacrima versata
senza sparte u dulore?
Un babbu pò vede u so figliolu pienghje
senza sottumettesi à u dolu?

Una mamma pò ascultà indifferente
u lamentu di un zitellu, a paura di un criaturu?
Nerd! Impussibule!
Chì ùn serà mai, mai pussibule.

Pò quellu chì sorride à tuttu
senti i mughji di l'acellu?
State à sente i vostri figlioli addulurati è bisognosi?
Sentite u pienghje di i zitelli chì soffrenu?

Senza stà à pusà accantu à u nidu
sprinkling pietà nantu à i so seni?
Senza stà à pusà accantu à u presepiu
versà lacrime nantu à e lacrime di u zitellu?

È ùn passate micca ghjornu è notte
siccendu e nostre lacrime?
Oh no, chì ùn serà mai pussibule.
Ùn serà mai, mai pussibule.

Riserva a so gioia per noi tutti;
diventa ghjovanu;
diventa un omu cumpassiunatu.
Ancu ellu hà u dulore.

Pensate chì site incapace di suspirà un suspiru,
senza chì u vostru creatore ùn sia micca à fiancu à voi;
Pensate chì ùn pudete micca pienghje una lacrima
senza chì u vostru creatore ùn pienghji.

Ah, ci dà gioia
chì distrugge i nostri dulori.
Finu à chì u nostru dulore sia svultatu
inseme cun noi hà da pienghje.

author: William Blake.

4. U Giaour

Ma prima, nantu à a terra, cum'è vampire mandatu,
u to cadaveru da a tomba serà esiliatu;
allora, livido, girerai per ciò chì era a vostra casa,
è u to sangue t'hà da strappà;
culà, di a to figliola, surella è moglia,
À mezanotte, a funtana di a vita s'assicherà;
Ancu se abusate quellu banquet, duvete, necessariamente,
nutre u vostru cadavere vivace,
e vostre vittime, prima ch'elli scadinu,
videranu u so signore in u diavule;
maledizzendu ti, imprudendu te,
i vostri fiori appassiti sò nantu à u troncu.
Ma quellu chì per u vostru crimine deve cascà,
u più chjucu, frà tutti, u più amatu,
chjamendu babbu, ti benedica:
Sta parolla hà da ingutuppà u to core in fiamme!
Ma duvete finisce u vostru travagliu è osservà
l'ultimu culore nantu à e so guance;
da i so ochji l'ultima scintilla,
è u so sguardu vetrosu duvete vede
congelate nantu à u celu senza vita;
cù e mani impiose vi ferete dopu
e trecce di i so capelli d'oru,
chì eranu cicli carezzati da voi
è cù prumesse disgraziate di tenere amore;
Ma avà u porti via,
munimentu à a vostra agunia!
Cù u vostru megliu sangue si lamparà
i vostri denti striscianti è e so labbre sfacciate;
dopu à a to tomba cupa marchjarete;
vai, è cun dimònii è spiriti deliriu,
finu à ch'elli scappanu da l'orrore scunvurtu
di un spettru più abuminevule ch'è elli.

author: Lord Byron.

5. Davanti à tè mureraghju

Davanti à tè mureraghju: piattatu
in l'intestini dighjà
u ferru chì portu cù u quale hà apertu a to manu
a larga ferita murtale.

Davanti à tè mureraghju: è u mo spiritu,
in u so sforzu tenace
puserà à e porte di a morte,
chì chjamate à aspittà.

Cù l'ore i ghjorni, cù i ghjorni
l'anni voleranu,
è à quella porta pichjarete à a fine.
Quale ferma à chjamà?

Cusì chì a vostra culpabilità è i vostri resti
a terra si tenerà,
lavendu vi in ​​l'onde di morte
cum'è in un altru Ghjurdanu.

Là induve u rimore di a vita
trimendu di more si ne va,
cum'è l'onda chì vene à u mare
mutu à scadenza.

Là induve a tomba chì chjude
apre un'eternità,
tuttu ciò chì noi dui avemu tenutu mutu
ci tocca à parlà ne.

author: Gustavo Adolfo Becquer.

6. Amore inquietu

Attraversu a pioggia, attraversu a neve,
Attraversu a timpesta vò!
Trà e grotte spumanti,
Nantu à l'onde nebbiose vò,
Sempre avanti, sempre!
Pace, riposu, sò volati.

Rapidu attraversu a tristezza
Vogliu esse macellatu
Chì tutta a simplicità
Sostenutu in a vita
Esse a dipendenza di una brama,
Induve u core sente per u core,
Sembrendu tramindui brusgià
Sembra chì si sentenu tramindui.

Cumu aghju da vulà?
In vain eranu tutti i scontri!
Corona luminosa di vita,
Beatitudine turbulenta,
Amore, sì questu!

author: Goethe.

7. U passatu

Vi scurdarete di l'ore felici chì avemu intarratu
In i dolci cameri di l'amore,
Affollendu annantu à i so cadaveri friddi
I ribombi fugace di una foglia è di un fiore?
Fiori induve a gioia cascava,
È lascia induve speranza stà sempre.

Vi scurdarete di i morti, di u passatu?
Ùn sò ancu fantasmi chì ponu vendicà si;
Ricordi chì facenu di u core a so tomba,
Lamenti chì plananu nantu à a penumbra,
Sussurru cù voci orribili
Chì a felicità risentuta si trasformi in dulore.

author: Percy Bysshe Shelle.

Speremu chì questi puemi di u rumantisimu sò stati à u vostru piacimentu, postu chì per noi sò stati veramente incredibili. Se vulete cuntribuisce qualsiasi altru poema, pudete fà per mezu di i cumenti; Mentre vi invitemu ancu à sparte lu in e vostre rete suciale affinchì i vostri amichi amatori di puesia si possinu illuminà un pocu.

Articulu ligatu:
I 10 migliori puemi di u mudernisimu


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Un cummentariu, lasciate u vostru

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.

  1.   juan carlos dijo

    Luna chì lasciu passà mi ritorna cun un'altra luce chì illumina a mo camminata cù u tempu di l'amore è di crede in voi cum'è vita stessa, ùn mi separate micca da a terra per affundassi in l'abissu, qualcosa chì senteriate è chì sparteraghju perchè a mo unione cun tè hè cum'è un ligame chì nimu ùn pò separà nè in a timpesta di u mare nè a timpesta in muntagna, spergu di vedeci prestu cù l'ochji di un zitellu innamuratu è di dà ti u mo core in u luntanu è vogliu seguità ti ghjornu à ghjornu cù a luce chì eiu un ghjornu senza vulè cancellà.