emozioni positive e negative

uova che rappresentano le emozioni

Quando proviamo emozioni possiamo sentirle come positive o negative, ma la realtà è che le etichettiamo in questo modo solo per capirle, perché non sono né positive né negative. Le emozioni sono proprio questo: emozioni. Sono la nostra guida per comprendere meglio il nostro mondo interno e anche quello che ci circonda.

Con questo intendiamo che tutte le emozioni sono buone e necessarie, non vanno classificate come cattive o negative... ce ne sono semplicemente alcune più piacevoli di altre ma tutte, vogliono dirci qualcosa per stare meglio con noi stessi e con l'ambiente.

riconoscere le emozioni

È fondamentale riconoscere le emozioni per gestirle ed esprimerle correttamente, solo così possiamo trovare un equilibrio interiore che ci faccia stare bene.

Le emozioni etichettate come positive sono quelle che ci fanno stare bene e quelle negative sono quelle che ci fanno stare male. Ma le emozioni negative o quelle che ci fanno stare male sono importanti quanto quelli positivi o che ci fanno stare bene.

Le emozioni più spiacevoli quando sappiamo gestirle bene sono fondamentali perché ci aiuteranno a proteggerci dalle aggressioni esterne e incanalare quelle emozioni più intense che, altrimenti, possono farci "esplodere" per non gestirle bene.

icone che rappresentano le emozioni

rabbia, rabbia, o IRA Possono farci stare molto male, ma ci aiutano anche (ammesso che siano ben gestiti) a porre limiti con altre persone, situazioni e difendere i nostri diritti personali. Un'emozione diventa davvero negativa e persino dannosa, quando è nascosta, non si esprime... Perché sarà allora che i nostri cuori si trinceranno davvero e in futuro si svilupperanno disturbi anche pericolosi come l'ansia o malattie come la depressione.

D'altra parte, amiamo le emozioni che ci fanno sentire bene come l'amore, la gioia o il divertimento e vogliamo che si ripetano spesso... Mentre la tristezza o la paura ci fanno stare male e credono che ci sia qualcosa che non va in noi stessi. . Ma in realtà non c'è niente che non va... sono solo emozioni che ci dicono che dobbiamo fare la nostra parte per sentirsi meglio e favorire così la nostra crescita personale.

Il tuo corpo reagisce a livello fisiologico a queste emozioni: quando proviamo rabbia, rabbia o stress il nostro cuore accelera, vogliamo urlare e prendere tutta quell'adrenalina che abbiamo internamente. Ogni corpo può reagire in modo diverso. l'importante è riconoscere questi stati per gestire l'emozione e tutto ciò che ci provoca a livello fisico e mentale.

In questo modo sarà più facile evitare inutili tensioni e sensazioni che ci provocano disagio in un modo o nell'altro.

Perché sono positivi o negativi?

Come ti abbiamo detto sopra, le emozioni sono positive o negative a seconda che ci facciano stare bene o male. Quelli positivi provengono da pensieri e azioni positivi, e quelli negativi provengono da azioni e pensieri negativi.

Sebbene non ci siano realmente positivi o negativi, parleremo delle emozioni in questo modo in modo che sia più facile per te capirle e quindi riconoscerle in te stesso.

Emozioni positive i più comuni sono:

  • Serenità
  • Joy
  • Posto
  • Amor
  • tenerezza
  • Soddisfazione
  • Colpito
  • Accettazione
  • benessere
  • Divertimento
  • Entusiasmo
  • Speranza
  • felicità
  • Humour
  • Delusione
  • Passione
  • Soddisfazione

Ragazza sorridente in emozione positiva

Troviamo invece il caso opposto, quello che chiamiamo emozioni negative, che sono quelli come:

  • Paura
  • Tristezza
  • Rabbia
  • Ira
  • Angoscia
  • Pena
  • duello
  • Risentimento
  • Onere
  • Il senso di colpa
  • Asco
  • Ansia
  • Delusione
  • Antipatia
  • disperazione
  • Stress
  • frustrazione
  • Indignazione
  • Paura
  • Preoccupazione
  • Rabbia
  • rancore
  • Risentimento
  • vergogna

Tutte le emozioni, sia positive che negative, vengono trasmesse alle persone intorno a te. Ciò significa che se ti senti felice puoi trasmetterlo alle persone intorno a te, ma nel caso in cui ti senti senza speranza o molto triste, Si diffonde anche ad altri.

Nessuna emozione va evitata, né quelle considerate buone né quelle cattive... vanno accettate, identificate, comprese e gestite.

Tutte le emozioni sono importanti

Tutte le emozioni sono importanti, ognuna di esse. Ad esempio, la rabbia ti aiuta a stabilire dei limiti, la paura ti aiuta a evitare il pericolo, tristezza ad accettare perdite e riflettere, rabbia per gestire correttamente quell'eccesso di adrenalina nel corpo dovuto allo stress (come l'esercizio), ecc.

La cosa migliore da fare di fronte a un'emozione intensa è porsi alcune domande: perchè provo questa emozione? Cosa mi vuoi dire? Come si manifesta nel mio corpo? Cosa posso fare per essere migliore?

L'ideale è identificare un'intenzione positiva in ogni emozione e gestirla rapidamente in modo che quando la deciframo possiamo agire di conseguenza. L'apprendimento della gestione emotiva è essenziale per il benessere personale nella vita e questo, se fatto correttamente avrà un impatto positivo sia nella persona stessa che nelle persone che lo circondano.

ragazza triste con un sorriso falso

L'espressione emotiva ha quindi un grande impatto su tutto questo. Le espressioni emotive possono avere più o meno intensità, a seconda di quanto si sentono sgradevoli. Pertanto, per trovare l'equilibrio, dovresti riflettere con calma su quell'emozione e pensare a cosa significa per te e cosa puoi fare per esprimerla.

Ad esempio, se ti senti arrabbiato perché il tuo capo ti ha parlato male per tutta la mattina e tu non sei stato in grado di dirgli cosa provi, potresti trasmettere tutta quella frustrazione alla tua famiglia quando torni a casa.

Per evitare che ciò accada, è meglio uscire e fare sport o svolgere un'attività che trovi gratificante. Pensa e rifletti su come esprimere al tuo capo come ti ha fatto sentire e, se non è possibile, scrivilo su carta in modo che almeno tutta quella sensazione spiacevole ti esca dalla testa e non ti colpisca così tanto.

Come hai visto, non devi reprimere le emozioni, devi capirle, sapere cosa vogliono dirci ed esprimerle correttamente. Il segreto è la gestione emotiva in modo che anche quelli che sentiamo intensi e molto sgradevoli non siano così sgradevoli.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.