Usi e proprietà dell'idrossido di sodio

Conosciuta anche come soda caustica, può essere riconosciuta per le sue caratteristiche, come quella di essere un solido bianco con capacità di assorbimento dell'umidità che possono essere nell'aria, essendo i suoi usi più comuni nella sua forma solida o con una soluzione del 50% circa .

L'idrossido di sodio ha proprietà fisiche sorprendenti, come quando entra in una soluzione con acqua, tende a generare temperature davvero elevate, così come le sue proprietà chimiche come la sua corrosione possono essere osservate.

Il modo più semplice per ottenere l'idrogeno è attraverso un processo caustico, in cui un tipo di idrossido viene aggiunto con un certo composto di sodio.

Nelle industrie del settore secondario delle attività economiche, il suo utilizzo può essere osservato molto frequentemente per essere in grado di elaborare una grande diversità di prodotti. Questo composto è molto reattivo, grazie alla sua grande instabilità.

Per quanto riguarda l'idrossido di sodio, e la sua esposizione nell'uomo, si possono nominare alcuni indicatori per sapere se c'è qualche tipo di contatto con questo composto, questi sono molto importanti da sapere, perché può causare gravi condizioni nell'organismo, soprattutto in luoghi come gli occhi, la pelle e il tratto respiratorio e per impostazione predefinita il sistema respiratorio.

Definizione di idrossido di sodio

L'idrossido di sodio può anche essere trovato come idrossido di sodio, idrato di sodio, soda caustica e persino soda caustica. In chimica può essere definito dalla formula NaOH, questo ha la maggior parte della sua utilità nelle industrie come base, perché è un idrossido di tipo caustico, con esso puoi produrre carta e suoi derivati, detergenti, tra gli altri.

Ci sono molti usi per l'idrossido di sodio, a causa delle sue grandi qualità, come servire come apri di scarico, tubi, tra gli altri, così come si può anche vedere nelle industrie petrolifere per la produzione di fanghi utilizzati per la perforazione a base d'acqua.

Proprietà chimiche

Questo composto ha una reazione chimica di idrossido, da qui deriva i suoi rispettivi nomi "idrossido di sodio". Tra le principali reazioni chimiche di questo composto vi sono il suo livello di corrosione, che è molto elevato, e la sua reazione esotermica.

Proprietà fisiche

Quando l'idrossido di sodio è a temperatura ambiente può essere visto come un solido cristallino igroscopico, il che significa che ha la capacità di assorbire l'umidità che può essere nell'aria, questo idrossido risulta essere estremamente corrosivo.

Quando l'idrossido di sodio viene sciolto in acqua o neutralizzato con un acido, è in grado di generare alte temperature, che possono incendiare i materiali combustibili. Questo composto viene creato attraverso la produzione, essendo le sue forme più comuni di utilizzo allo stato solido e talvolta in soluzioni con il 50% di acqua.

Reattività all'idrossido di sodio

Questo composto è incompatibile con alcune sostanze come l'acqua, tutti i tipi di liquidi infiammabili, acidi, nonché composti ologenati, nonché alcuni metalli come zinco, stagno e alluminio, che a contatto con se stessi è molto probabile che causino incendi.

Puoi anche osservare il file formazione di sali altamente sensibili al contatto, o qualche impatto, quando è esposto a composti nitro, come il nitro-metano. Puoi vedere la formazione di gas idrogeno infiammabile in esso.

Non esiste alcuna condizione che contribuisca alla possibile instabilità di questo composto, né si possono osservare prodotti pericolosi dalla decomposizione dell'idrossido di sodio.

A causa della corrosione che presenta questo composto, l'esposizione ad esso di alcuni prodotti o materiali può causare deterioramento e danni irreversibili, tra questi possiamo citare gomma, plastica e alcuni rivestimenti.

Modi per ottenere l'idrossido di sodio

Tra i metodi moderni di L'ottenimento di questo composto è mediante elettrolisi di una soluzione acquosa di cloruro di sodio o anche nota come salamoia, sebbene la maggior parte delle industrie opti per un metodo più classico che esegue un processo chiamato caustizzazione, che si riferisce a un certo tipo di idrossido che viene unito a un sodio. Questo può essere inteso come un sottoprodotto o uno scarto residuo della produzione di cloro.

Per spiegare un po 'come funziona la formazione di questo composto, si può spiegare come segue, man mano che l'elettrolisi progredisce, i cloruri si decompongono, essendo completamente sostituiti da ioni idrossido, che si combinano con cationi di sodio, riuscendo a formare così idrossido di sodio, oppure idrossido di sodio.

Usi di idrossido di sodio

Tra gli usi più importanti che l'idrossido di sodio può essere dato c'è la sua utilità per ottenere l'alluminio dalla bauxite attraverso il processo Bayer, così come l'uso di questo composto per la cottura delle olive e alcuni tipi di varietà di esso.

È usato per rimuovere la vecchia vernice dai mobili, così come il tradizionale sverniciatore ad olio. Può essere trovato in prodotti comuni come detergenti per scarichi e detergenti per forno.

Tra l' materiali che possono essere realizzati con idrossido di sodio Sono vernici e derivati ​​del petrolio, pastelli, sapone, alcuni tipi di esplosivi, carta, la loro presenza può essere osservata anche in processi come lavanderia e sbiancamento, ossido di rivestimento, per la lavorazione di tessuti di cotone, estrazione elettrolitica e galvanica.

Conseguenze dell'esposizione

L'esposizione a questo composto può avere gravi conseguenze per la salute di qualsiasi persona, perché ha proprietà corrosive molto forti che possono causare da lieve irritazione a ustioni chimiche davvero dannose.

Le vie che possono essere più facilmente esposte sono le vie respiratorie, i tessuti riferiti alla pelle, gli occhi e talvolta l'apparato digerente a causa di un'eventuale ingestione. I seguenti sono i rischi che possono essere causati dalla sovraesposizione all'idrossido di sodio.

  • Ingestione: L'ingestione di questo composto può provocare un danno totale all'apparato digerente, a causa dei suoi alti livelli corrosivi potrebbe addirittura bruciare le pareti intestinali, provocando loro gravi danni, così come in occasioni meno forti si può osservare avvelenamento.
  • Occhi: L'esposizione agli occhi può causare gravi ustioni corneali e, nei casi più gravi, cecità parziale o addirittura completa.
  • Pelle: può causare corrosione della pelle e persino ulcere, nonché lievi irritazioni o gravi ustioni.
  • Inalazione: Nei casi lievi, si possono osservare lievi irritazioni nasali, sebbene quando sovraesposte, per cui vengono inalate grandi quantità di idrossido di sodio, si possono osservare gravi ustioni nel tratto respiratorio, che possono portare alla morte.

Grande cura deve essere posta quando si opera in impianti dove viene trattato questo composto, a causa dei suoi alti livelli di corrosione, in quanto può provocare condizioni come quelle viste nella parte precedente, e per trattarle è necessario lavare le parti esposte zone con acqua abbondante, bere molta acqua in caso di ingestione e in casi estremi recarsi al più presto in un centro medico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Freddy quintero suddetto

    ottima esposizione su questa sostanza, apprezzo menzionare la stabilità delle tue soluzioni. Grazie