10 cose che potresti non sapere sulla Mindfulness

In questo blog ho già scritto alcuni post su cosa cos'è la consapevolezza e gli benefici ciò implica la sua pratica. Tuttavia, il suo concetto non è del tutto chiaro e ci sono domande sulla consapevolezza che potrebbero non essere state sufficientemente chiare per te.

Prima di passare a vedere 10 cose che potresti non sapere sulla Mindfulness, Vi invito a vedere questo video intitolato "10 minuti di consapevolezza sono sufficienti."

Il video dura solo nove minuti. Ti chiedo 9 minuti del tuo tempo per ascoltare cosa ci dice quest'uomo. Potrebbe cambiarti la vita:

1) Il "momento presente" dura circa 3 o 4 secondi.

La ricerca di Daniel Stern ha scoperto che le nostre esperienze di "vivere il presente" sono momenti che tipicamente durano tra 1 e 10 secondi. Solo i meditatori più esperti possono essere pienamente consapevoli di ogni secondo che passa.

2) La definizione scientifica di consapevolezza consiste in autoregolazione e curiosità.

mindfulness Sebbene ci siano molte definizioni di attenzione, poche persone sanno che gli scienziati della ricerca sulla consapevolezza si sono riuniti per trovare una definizione formale di attenzione al fine di comprendere meglio questo interessante fenomeno. Il consenso era quello l'attenzione è:

a) Autoregolamentazione. della nostra attenzione, insieme a

b) un atteggiamento di curiosità, apertura e accettazione.

3) Ogni programma o seminario basato sulla cura non è altro che un "trampolino di lancio".

Tutte le applicazioni pratiche della consapevolezza lanciano i partecipanti verso maggiore consapevolezza, miglioramento, benessere e forza mentale. Ma, come dicono gli esperti, ognuno di questi programmi è il menu, ma non il cibo; sono la mappa, ma non il territorio.

4) Il primo passo per imparare la consapevolezza è mettere "il pilota automatico" il prima possibile.

C'è una raccomandazione per coloro che iniziano a imparare la pratica della consapevolezza: prova ad attivare il pilota automatico il prima possibile. Le nostre menti sono lontane dal presente. Un primo passo per coltivare una maggiore cura è nota appena possibile che la tua mente ha vagato. Prima te ne rendi conto, più efficace sarà la pratica della consapevolezza.

5) La nostra mente può elaborare 126 "pezzi" di informazioni ogni secondo.

C'è così tanto che possiamo osservare nel nostro ambiente che non lo facciamo. Naturalmente, gran parte dell'input sensoriale non è necessario e può intralciare, ma questa scoperta del ricercatore Mihaly Csikszentmihalyi rivela che Ci sono SEMPRE molte più informazioni di quelle di cui siamo a conoscenza a causa della mancanza di attenzione.

6) Dall'inizio di questo millennio, la ricerca sull'attenzione è aumentata di 20 volte.

La scienza e la pratica della consapevolezza sono amate. La consapevolezza è diventata una pratica molto popolare in centri di cura, aziende, aule, laboratori e soprattutto nei laboratori di ricerca di tutto il mondo. Questo grafico riassume questa esplosione nella ricerca sulla consapevolezza:

grafico di consapevolezza

7) Le metodologie di consapevolezza e rilassamento sono molto diverse.

Molti professionisti si fondono con questi due approcci o usano le parole come sinonimi. Tuttavia, lo scopo della consapevolezza non è il rilassamento. L'obiettivo della consapevolezza è la coltivazione della consapevolezza.

Le persone sono spesso confuse sul perché Un comune "effetto collaterale" della pratica della consapevolezza è il rilassamento.

8) "Decentering" è una delle spiegazioni fondamentali per cui la consapevolezza è così efficace.

Il decentramento avviene osservando i tuoi pensieri e sentimenti come eventi temporanei nella tua mente e non fatti o verità su di te. Quando ti preoccupi ripetutamente di qualcosa di brutto che potrebbe accadere, fai diventare dominante il pensiero preoccupante e lo riconosci come fatto o realtà.

Tenete a mente che quel pensiero preoccupante non è altro che un pensiero passeggero che passa per la tua mente. Se vuoi che i tuoi pensieri preoccupanti diventino fugaci, dovrai praticare la consapevolezza per un po '. In realtà ciò che pratichi si chiama decentramento.

9) La consapevolezza si trova in tutte le grandi religioni del mondo.

Il buddismo è senza dubbio il luogo di origine della pratica della consapevolezza. Tuttavia, mistici cristiani come Santa Teresa de Ávila hanno evidenziato la riflessione cosciente come un modo di essere in comunione con Dio. L'aspetto cosciente dell'attenzione ha molti nomi: zikr nell'Islam, kavana nel giudaismo e samadhi nel buddismo e nell'induismo.

10) Nessuno è un esperto di consapevolezza.

Diffida di coloro che si considerano esperti di consapevolezza. Una volta che qualcuno dice di essere un esperto in qualcosa, smetti di esplorare. La loro curiosità rallenta. Una volta che la ricerca e la curiosità appassiscono, anche l'attenzione. L'attenzione, d'altra parte, è vista al meglio come un processo continuo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)